All'interno della Cappella Sistina si celebra ogni anno una Messa in occasione della Festa del Battesimo del Signore (prima domenica dopo l'Epifania), durante la quale il Papa battezza dei neonati.

La procedura per battezzare il proprio figlio è difficile ma non impossibile anche se c'è una lunga lista d'attesa. Non vale per i figli di divorziati o separati o di coppie non sposate in chiesa.

La prima richiesta è da effettuare al proprio parroco, che deve scrivere di suo pugno una "lettera di idoneità" e dare il permesso a celebrare il battesimo fuori dalla sua parrocchia.
Il parroco dovrà segnalare che i genitori hanno partecipato all'apposito corso di formazione prebattesimale e che sono persone che partecipano alla vita cristiana e parrocchiale.

Anche i genitori dovranno scrivere una lettera rivolgendosi direttamente al Pontefice, chiedendogli di celebrare il battesimo del loro figlio e motivando la richiesta.

Un battesimo celebrato da Papa Francesco nella Cappella Sistina

Una volta che la famiglia viene scelta, alcuni giorni prima, prenderà parte ad una prova generale della cerimonia senza la presenza del Papa.
Il giorno della cerimonia sarà la prima volta che genitori e neonato incontreranno il Pontefice.
Il rito si svolgerà presso la fonte battesimale all'interno della Cappella Sistina, che rappresenta l'Albero della Vita che tiene tra i rami il sole che sorge.
Alla base si trova una pietra proveniente dal Giordano che è il fiume dove Gesù ricevette il Battesimo.

Qualora la famiglia non sia scelta il Vaticano inoltrerà una risposta chiarendo il motivo (probabilmente dovuto alle troppe richieste).

Un battesimo celebrato da Papa Francesco nella Cappella Sistina

Verifica la disponibilità